Blog

agosto 20, 2018

Stanco della solita routine? Vieni a vivere rafting fiume Lao

C’è una celebre frase di Paulo Coelho che recita: “Se pensi che l’avventura sia pericolosa, prova la routine. È letale.” Come fare quindi per non morire e non soccombere alla routine? Con almeno due consigli che devono andare di pari passo: non demonizzare la routine e trovando avventure ed emozioni che sappiano rivitalizzare una vita, come il rafting fiume Lao.

L’utilità della routine

La routine non piace a nessuno, ma se divenisse abitudine l’avventura non perderebbe di fascino, interesse e utilità anch’essa? La routine è noiosa, certa, altrimenti non sarebbe tale, ma è funzionale allo svolgimento di tante funzioni (soprattutto di quelle familiari e lavorative) che permettono alla vita di scorrere più o meno tranquillamente sui binari di una dignitosa normalità che può, a questo punto, concedersi il piacere di un’avventura degna di questo nome, come quella che puoi vivere con rafting fiume Lao.

Vivere la propria avventura: rafting fiume Lao

Le emozioni sono uno degli aspetti più importanti della vita di ogni uomo; lo rendono vivo. Staccare dalla solita routine, cercare divertimenti e attività diversi dal solito, è una scelta molto piacevole e allo stesso tempo molto utile. Fare cose diverse dal solito, infatti, permette di non soccombere all’ordinarietà, di ricordarsi di essere anche altro dal proprio ruolo all’interno del proprio posto di lavoro o della società. È importante inoltre anche per il proprio benessere psicofisico e per la propria serenità. Cosa fare allora?

Sono tantissime le opzioni e le opportunità, dalle discese di rafting fiume lao, al surf al lancio nel vuoto con il deltaplano, al bungee jumping, alle pedalate in mountain bike, passando per le passeggiate in riva al fiume o i percorsi di trekking più impegnativi fino a quelli di arrampicata sulle pareti rocciose.

rafting fiume lao

rafting fiume lao

A contatto con la natura

Una medicina infallibile contro la routine è quella di immergersi nella natura; non siamo più abituati ad essa, eppure è la nostra dimensione più naturale, che non lede quella sociale e urbana che abbiamo costruito, ma che ci restituisce quelle emozioni più pure e non artificiali di cui abbiamo bisogno. A ben vedere le principali attività estreme e più avventurose che si possano fare, si pensi al rafting in riva al fiume, alle discese in kayak o ai percorsi di trekking, sono tutte attività in cui ci si trova a strettissimo contatto con la natura. Con quella natura che si è ormai abituati a vedere solo tramite uno schermo e che invece esalta le emozioni ogni volta che ci si trova a confrontarsi con essa.

Vivere un’avventura, la propria avventura, è inoltre fondamentale per la propria autostima, per mettersi in gioco e confrontarsi con i propri limiti. Spesso il lavoro costringe a costruirsi una dimensione ridotta; gli sport estremi e le avventure sono invece lo strumento adatto per riprendere il contatto con sé stessi e provare a superare i propri limiti, in maniera divertente e sorprendente.

Gli sport e le attività avventurose possono sembrare rischiose o difficili da sostenere; non si tratta di fare pazzie o di mettere a rischio la propria incolumità, bensì di svolgere attività inedite, che non si è abituati a compiere, e che sappiano scuoterci in maniera piacevole e assolutamente divertente. Si tratta inoltre di attività da fare il più delle volte con degli istruttori specializzati e del personale abilitato, all’interno di strutture professionali dove la sicurezza è al primo posto.

Ognuno ha la propria avventura, anche svolgendo la stessa attività le risposte che si percepiscono sono diverse tra loro, perché ognuna emoziona e libera adrenalina. La bellezza di vivere emozioni forti lontani dagli stereotipi quotidiani sta proprio in questa forza emozionale che stravolge ma che in fondo lascia quel senso di pienezza che solo la bellezza, quella pura e cristallina, sa esprimere e comunicare.

About Rafting Fiume Lao

Siamo una società sportiva che nasce con la passione per gli sport fluviali e outdoor ed opera nel settore dal 1996 nell’area del Parco Nazionale del Pollino.